Nuvole di Bellezza
Ciao carissimo Ospite e benvenuto nel nostro mondo dedicato alla Bellezza!

Per poter accedere alle varie sezioni del forum occorre registrarsi, è molto semplice, basta scegliere un nickname, una mail valida e una password!
Una volta fatta la registrazione ti consigliamo di presentarti in modo che tutti noi potremmo darti il giusto benvenuto!

Ti aspettiamo!

In gravidanza: tinta per capelli e smalto sono vietati?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

In gravidanza: tinta per capelli e smalto sono vietati?

Messaggio Da Onda del Mare il Gio Mar 15, 2012 9:23 pm


Il dr. Pietro Cignini, specialista in ginecologia e ostetricia e docente di diagnosi prenatale presso il Centro Artemisia di Roma, risponde ad alcuni nostri quesiti che spesso generano confusione nelle donne in dolce attesa

In gravidanza: tinta per capelli e smalto sono vietati?

Dottore, si possono utilizzare le tinture per capelli?

"L’uso di sostanze chimiche in gravidanza, specialmente nei primi tre mesi è assolutamente sconsigliato. Pertanto anche l’uso di tinte per capelli deve essere assolutamente evitato. Questo perché alcune sostanze in esse contenute come ammoniaca e resorcina attraverso il cuoio capelluto possono arrivare al feto, passando attraverso la barriera placentare che non riesce a filtrarle. E queste, è stato dimostrato, sono dannose per il feto. Pertanto, se necessario, si possono utilizzare delle tinte a base di coloranti naturali, ove non siano assolutamente contenute sostanze chimiche (ammoniaca, resorcina, parabeni etc). È importante chiedere al proprio parrucchiere di fiducia di controllare l’etichetta del prodotto e la sua composizione. Altro accorgimento per ridurre ulteriormente i rischi è di evitare il contatto con il cuoio capelluto, applicando, quindi, il prodotto sui capelli a qualche millimetro di distanza dall’attaccatura".



Invece, cosa ci dice in merito a smalti e acetone?

" Gli smalti per le unghie contengono sostanze potenzialmente dannose sia per il feto che per la madre. Infatti, alcune di esse possono causare irritazioni, dermatiti fino anche a reazioni allergiche di grave entità. Tuttavia, La Food and Drug Admnistration ha riconosciuto come l’esposizione saltuaria a queste sostanze non sia tale da causare queste complicazioni. Quello che invece preoccupa sono i fumi esalati sia dagli smalti, ma anche e soprattutto dai solventi utilizzati per rimuoverli, come l’acetone. Esiste uno studio ormai datato, del 1994, effettuato tra addetti di cosmetologia che tutti i giorni lavoravano con questi solventi; si è notata una più alta incidenza di aborti spontanei al primo trimestre di gravidanza. Per ridurre al minimo queste evenienze si raccomanda, quindi, di applicare lo smalto (o i solventi per rimuoverli) in una stanza ben arieggiata, magari vicino ad una finestra aperta".

di Angelica Amodei fonte Più sani Più belli

avatar
Onda del Mare
Admin
Admin

Numero di messaggi : 3351
Data d'iscrizione : 31.05.09
Età : 33
Località : Genova

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum